Sindrome anticolinergica acuta

La diagnosi di sindrome anticolinergica acuta si basa sul verificarsi di sintomi tipici del sistema nervoso centrale e sintomi periferici. I test di laboratorio non sono ampiamente utilizzati perché non è possibile rilevare sostanze anticolinergiche, né nel sangue né nelle urine.

La differenziazione della sindrome anticolinergica acuta dovrebbe tenere conto delle malattie mentali, dell’avvelenamento con farmaci che stimolano il sistema nervoso simpatico o di agenti allucinogeni. Inoltre, sintomi simili sono stati osservati nella sindrome da astinenza da alcol, compresa la maggiorana alcolica.

In caso di dubbi diagnostici, la fisiostigmina viene somministrata per via endovenosa; la remissione completa o parziale della malattia è confermata dalla diagnosi di sindrome anticolinergica acuta.

Trattamento della sindrome anticolinergica acuta

Il trattamento della sindrome anticolinergica acuta è sintomatico. È necessario proteggere il paziente da lesioni o danni a se stesso o alle persone nelle immediate vicinanze (è necessaria un’azione protettiva a causa del verificarsi di un’emozione psicomotoria improvvisa). A volte è necessario avere un’incapacità fisica o farmacologica di un paziente con sindrome anticolinergica acuta. A tale scopo vengono somministrate alte dosi di sedativi dai preparati.

Sono particolarmente necessari l’intubazione endotracheale e la ventilazione meccanica dei polmoni. In condizioni più gravi è necessario monitorare la funzione cardiaca, la pressione sanguigna e il volume delle urine per non perdere la sua interruzione, che è una complicanza pericolosa della sindrome anticolinergica acuta.

Il diazepam (iniettato per via endovenosa, se ciò non è possibile, iniettato intramuscolarmente, midazolam) e la fisiostigmina sono stati utilizzati in preparazioni farmacologiche. L’ultimo farmaco è una sorta di antidoto, ma la sua somministrazione è associata alla possibilità di sviluppare effetti collaterali.

La fisostigmina deve essere usata se la stimolazione mentale oi sintomi psicotici sono gravi e non possono essere controllati con altri mezzi. Inoltre, per l’uso di questo agente farmacologico sono indicati gravi sintomi centrali o periferici e nessuna storia di convulsioni.

Prognosi nella sindrome anticolinergica acuta

La prognosi nella sindrome anticolinergica acuta dipende principalmente dalla gravità dei sintomi e dalla quantità e durata del consumo di sostanze tossiche. Se la diagnosi è stata fatta rapidamente e il trattamento è stato implementato precocemente, la prognosi nella sindrome anticolinergica acuta ha successo. Spesso, la somministrazione di phoxygmine comporta un miglioramento immediato e completo delle condizioni cliniche del paziente.

Lorenza Scoma
Informazioni su Lorenza Scoma 252 Articoli
Si può dire molto di Lorenza Scoma, ma per lo meno è persuasiva e disinteressata, naturalmente è anche protettiva, allegra e leader, ma sono contaminati e mescolati con le abitudini di essere privi di tatto. la sua natura persuasiva, però, è ciò per cui è spesso ammirata. Spesso le persone contano su di loro e sul suo atletismo ogni volta che hanno bisogno di tirarsi su. Nessuno è perfetto naturalmente e Lorenza ha anche degli stati d'animo e dei giorni marci. la sua natura sconcertante e la sua natura pomposa causano molte lamentele, sia personalmente che per gli altri. Fortunatamente il suo altruismo assicura che non è il caso molto spesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*