Nadin Quali medicinali prendi?

Lo shock cerebrale è una condizione benigna derivante da una lesione al sistema nervoso centrale, più comunemente manifestata dalla perdita di coscienza post-traumatica dovuta a disturbi della conduzione nel sistema nervoso derivanti da una lesione.

I disturbi fisico-chimici che si verificano durante lo scuotimento del cervello nel tessuto nervoso di solito riguardano disturbi nella funzione della struttura chiamata formazione netta del tronco cerebrale (è fisiologicamente responsabile del sonno e della veglia). I disturbi si verificano anche nelle connessioni tra la formazione netta e la struttura della collina e della corteccia cerebrale.

I cambiamenti che avvengono nel cervello nello shock sono la causa dell’esclusione della funzione cerebrale (in particolare il sistema di stimolazione ascendente), sono caratterizzati da completa reversibilità e non sono rilevabili come cambiamenti morfologici.

Sintomi di agitazione cerebrale

Il sintomo principale dello scuotimento del cervello è la perdita di coscienza, che di solito è di breve durata: il tempo di spegnimento varia da alcuni secondi a 15 minuti, a volte più a lungo (fino a 1 ora). La definizione include l’incoscienza come condizione che dura non più di 6 ore – il passaggio del tempo e il non recupero suggeriscono l’insorgenza di una contusione cerebrale (morfologicamente, la presenza di edema disseminato e cerebrale disseminato così come emorragie locali e lesioni necrotiche, clinicamente , un corso più pesante del tremare del cervello).

Dopo la lesione c’è una perdita di memoria, il paziente non ricorda gli eventi che hanno preceduto l’incidente. Il periodo di non retroattività varia (da pochi minuti a pochi giorni) e non dipende dalla gravità e dalla durata del disturbo di coscienza, anche dopo una lesione grave la non retroattività può includere un breve periodo di tempo.

A volte c’è un fenomeno di non ricordare il periodo dopo l’infortunio – immediatamente dopo l’incidente il paziente può essere incosciente per alcuni secondi, quindi esegue varie azioni complesse e quindi non se ne ricorda. Tale oblio post-traumatico può riguardare vari periodi di tempo – anche diverse ore, che durano dal momento del trauma al pieno recupero della coscienza. Dopo che il paziente ha ripreso conoscenza, appaiono nausea, vomito, mal di testa e squilibri.

Non si osservano anomalie nell’esame neurologico del paziente. In caso di shock gravi, il respiro del paziente diventa superficiale, la frequenza cardiaca rallenta e le pupille si dilatano, che non reagiscono allo stimolo luminoso (non diminuiscono dopo che il flusso luminoso è diretto verso di loro). Dopo alcuni o alcuni minuti, a volte alcune ore, questi disturbi scompaiono e il paziente riprende conoscenza. Durante questo periodo può essere ansioso, oscuro e persino aggressivo.

Riconoscimento di shock cerebrali

Il criterio di base per la diagnosi di scuotimento del cervello è la conferma dell’incoscienza dopo la lesione. Anche la comparsa di altri sintomi può aiutare nella diagnosi. La differenziazione deve tenere conto della perdita di coscienza che si è verificata prima della lesione (ad esempio, la perdita di coscienza che si è verificata prima della lesione). all’inizio del sequestro epilettico, la perdita di coscienza causa una caduta, la cui conseguenza può essere una lesione della testa a terra; un meccanismo simile si svolge nel corso del normale svenimento).

Trattamento di shock cerebrali

Non esiste un trattamento speciale per l’agitazione cerebrale: è consigliabile solo rimanere a letto ed evitare sforzi fisici, situazioni stressanti. In caso di forte mal di testa, possono essere somministrati analgesici, mentre nel vomito si dovrebbe ricordare una corretta idratazione o la somministrazione di elettroliti in caso di disturbi nella loro economia. Il trattamento antiemetico è usato solo in condizioni mediche gravemente aggravate.

Prognosi in caso di ictus

La prognosi è buona Nella maggior parte dei pazienti, le anomalie scompaiono in pochi giorni. Mal di testa e altri sintomi possono raramente durare per diverse settimane, diversi mesi o più. Viene quindi indicata come sindrome post-traumatica (si verifica più spesso dopo gravi lesioni craniche combinate con perdita di coscienza e può manifestarsi nel dolore e vertigini, insonnia, disturbi della memoria, difficoltà a concentrare attenzione, ansia, depressione e altri disturbi).
Mariusz Kłos

– Malattie interne “, Andrzej Szczeklik, ed. Medicina pratica, Cracovia.
– Manuale di chirurgia per gli studenti “, ed. Jana Fibaka, ed. PZWL Medical Publishing House, Warsaw.
– Prof. Prof. dr med. Władysław Jakimowicz Neurologia clinica nella struttura del manuale per gli studenti di medicina “, ed. Mieczysław Goldsztajn, ed. PZWL Medical Publishing House, Warsaw.

Commenti Scuotere il cervello

Nadin | 2012-03-07 11:43

Ho avuto lo stesso. Dopo un trauma cranico molto serio, non riesco a dormire per molto tempo. Dolore continuo, rumore, nervi, ecc …………………………………… ………………………………………….. ………………………………………….. ……………………………………….. Non potevo funzione normalmente. Mi è stato diagnosticato con m. nella sindrome dopo aver scosso il cervello. Sono andato da uno psichiatra che mi ha dato un farmaco leggero ma necessario, dopo di che funziona sempre meglio. Non è niente di terribile e aiuta e talvolta è necessario :).

Ania | 2012-03-18 12:25

Alla fine sono stato portato all’ospedale da uno psichiatra. Sono stato trattato con grave depressione per mezzo anno, ho selezionato sonniferi e antidepressivi per questo scopo. Ho un anaphranil 75SR, Ketrel 25mg 3 volte al giorno.

Gln | 2013-03-14 21:43

Sei mesi fa, a seguito delle mie percosse, ho anche vissuto uno shock del mio cervello. I miei sintomi depressivi, mal di testa e disturbi cognitivi sono aumentati. Sono emersi problemi di natura dislessica, che non avevo mai avuto prima, e ho trovato disturbi di personalità – in genere le persone hanno iniziato a irritarmi, mentre i responsabili di quell’incidente mi avrebbero ucciso senza battere ciglio, a prescindere dalle conseguenze criminali.

Lorenza Scoma
Informazioni su Lorenza Scoma 253 Articoli
Si può dire molto di Lorenza Scoma, ma per lo meno è persuasiva e disinteressata, naturalmente è anche protettiva, allegra e leader, ma sono contaminati e mescolati con le abitudini di essere privi di tatto. la sua natura persuasiva, però, è ciò per cui è spesso ammirata. Spesso le persone contano su di loro e sul suo atletismo ogni volta che hanno bisogno di tirarsi su. Nessuno è perfetto naturalmente e Lorenza ha anche degli stati d'animo e dei giorni marci. la sua natura sconcertante e la sua natura pomposa causano molte lamentele, sia personalmente che per gli altri. Fortunatamente il suo altruismo assicura che non è il caso molto spesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*