Disordini del Periferia Epoca

I sintomi tipici dei disturbi del periodo postmenopausale sono il cosiddetto “periodo postmenopausale”. sintomi di atrofia, che si osservano nelle strutture dei sistemi genitale e urinario. Queste anomalie sono correlate alla carenza di estrogeni nel corpo e all’invecchiamento sistemico dei tessuti.

Atrofia della mucosa si verifica nella vagina, che provoca dolore durante i rapporti sessuali e favorisce lo sviluppo di infiammazione nella vagina, inoltre, la sensazione di vagina secca è dominante, irritazione, bruciore, prurito e bassa intensità di prurito occorrenze giallo.

Le donne in postmenopausa hanno maggiori probabilità di sviluppare cistite e uretrite, che sono spesso ricorrenti. Le donne riferiscono dolore mentre urina e spesso si arrabbiano. Il gruppo di età postmenopausale è più probabile che sia affetto da disturbi di incontinenza urinaria.

Osteoporosi postmenopausale

Una diminuzione della concentrazione di 17-beta-estradiolo dopo la menopausa è la causa principale dello sviluppo dell’osteoporosi. Altri fattori responsabili dello sviluppo delle lesioni ossee nel periodo post-menopausale sono: stile di vita sedentario, assunzione di determinati farmaci (ad es .: adolescenti, adolescenti, ecc.). Inoltre, si raccomanda di utilizzare i seguenti metodi: glucocorticosteroidi, preparazioni anticonvulsivanti, eparina, agenti citostatici, ecc., Per consumare alcol, fumare, bere caffè e altri prodotti.

La perdita di massa ossea dovuta alla carenza di estrogeni dura fino alla fine della vita. Inoltre, vi è un aumento del livello di calcio nel siero del sangue, che è causato dalla lisciviazione delle sue risorse dalle ossa a causa della carenza di estrogeni.

Sistema circolatorio post-menopausa

La causa principale della morte nelle donne in postmenopausa è la cardiopatia ischemica. La mancanza di estrogeni porta a disturbi osservati nei parametri del metabolismo lipidico del corpo. Inoltre, ci sono cambiamenti vascolari che accelerano la formazione della placca aterosclerotica e portano ad un aumento dell’aggregazione piastrinica, che colpisce la stenosi vascolare e il flusso sanguigno anormale.

Dopo la menopausa, sono stati trovati anche bassi livelli di insulina nel siero e aumentata la resistenza del tessuto periferico all’insulina, che ha accelerato lo sviluppo di ipertensione arteriosa, aumento dei livelli sierici di lipidi e processi aterosclerotici avversi.

Pelle nel periodo post-menopausale

Oltre ai fattori ereditari e alle radiazioni ultraviolette, l’invecchiamento della pelle è causato anche dalla carenza di estrogeni. È stato scoperto che concentrazioni troppo basse di questi ormoni portano a una diminuzione del contenuto di collagene e acido ialuronico nella pelle, alla diluizione epidermica e ad una diminuzione del livello e dell’attività delle cellule chiamate fibroblasti nel tessuto sottocutaneo.

Trattamento dei disturbi postmenopausali

La terapia nelle donne in postmenopausa non è sempre necessaria o desiderabile. Per il trattamento dei sintomi atrofici nel sistema urogenitale, può essere utilizzata una terapia sistemica con estrogeni o estrogeni con progestinici (nelle donne con progestinici uterini conservati deve essere aggiunto, a causa della loro azione protettiva contro un rischio significativo di sviluppo del cancro dell’endometrio). Se le modifiche atrofiche sono l’unica indicazione per l’inizio della terapia, si raccomanda un trattamento locale.

Il trattamento con ormoni non deve essere utilizzato per la prevenzione primaria o secondaria delle malattie cardiovascolari, nonostante i loro effetti benefici sul sistema cardiovascolare. La terapia ormonale riduce l’incidenza delle fratture da osteoporosi, ma non è raccomandato per prevenire le fratture nelle donne con fattori di rischio perché sono disponibili farmaci più sicuri.

Anche gli ormoni a 65 anni non dovrebbero essere somministrati. Al fine di prevenire la demenza, questa procedura non è efficace e ha molte conseguenze negative. Prima di iniziare il trattamento, il rischio deve essere valutato e il paziente informato.

Le controindicazioni assolute alla terapia con estrogeni sono: malattia tromboembolica attiva, malattia epatica acuta, cancro delle mucose dell’utero e dei seni. Controindicazioni relative sono: sanguinamento uterino con una causa indeterminata, cancro del passato della mucosa uterina o del seno e altre predisposizioni familiari a varie malattie.

Lorenza Scoma
Informazioni su Lorenza Scoma 114 Articoli
Si può dire molto di Lorenza Scoma, ma per lo meno è persuasiva e disinteressata, naturalmente è anche protettiva, allegra e leader, ma sono contaminati e mescolati con le abitudini di essere privi di tatto. la sua natura persuasiva, però, è ciò per cui è spesso ammirata. Spesso le persone contano su di loro e sul suo atletismo ogni volta che hanno bisogno di tirarsi su. Nessuno è perfetto naturalmente e Lorenza ha anche degli stati d'animo e dei giorni marci. la sua natura sconcertante e la sua natura pomposa causano molte lamentele, sia personalmente che per gli altri. Fortunatamente il suo altruismo assicura che non è il caso molto spesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*